Questa applicazione permette di calcolare contemporaneamente, con un unico passaggio, gli interessi dovuti dal debitore, calcolando anche tutti i crediti maturati nel corso del tempo e gli acconti versati al creditore, anche in date diverse.

Questa applicazione è stata sviluppata su consiglio di alcuni utenti e si abbina alle altre utility per il calcolo degli interessi. Consente, tra l’altro, di rendere automatici una serie di calcoli che diversamente dovrebbero essere eseguiti manualmente, effettuando più calcoli.

Da un’unica maschera è possibile scegliere il tipo di interessi da conteggiare:

Nella stessa maschera di calcolo possono essere inseriti tutti i crediti e gli acconti fino a un massimo di 24.

Per ciascun “movimento” bisogna specificarne il tipo (credito maturato o acconto versato), la data e l’importo.
In maniera automatica, l’applicazione quantificherà gli “interessi a scalare” e il capitale residuo sottraendo gli acconti e incrementando la somma dovuta per ogni nuovo credito maturato, come nel in caso di emissione di una nuova fattura.

Le date possono essere incluse in qualsiasi ordine (l’applicativo, nel prospetto di calcolo, le disporrà meccanicamente). Se si dovessero versare nella stessa data due acconti, verranno totalizzate su un’unica riga.

Nota

L’applicazione si basa sull’art. 1194 c.c. che decreta che gli acconti siano sottratti in primis dagli interessi maturati fino alla data dell’acconto e in secondo luogo al capitale per la quota rimanente.

Togliendo la spunta dal campo “Art. 1194 c.c.” è possibile sottrarre gli anticipi integralmente dal capitale rimanente; questa opzione può essere impiegata all’occorrenza per specifiche necessità.

 Non tutti sanno che…

Con queste applicazioni non è necessario preoccuparsi di quale carattere adoperare come separatore dei decimali. E’ possibile anche inserire gli importi in vari formati; di seguito illustriamo il tutto nello specifico:

  • Con o senza separatore delle migliaia (esempio: 4561,23 oppure 4.561,23):
  • Per separare i decimali si può usare ugualmente il punto o la virgola (esempio: 4561,23 oppure 4561.23).
  • Con il simbolo dell’ Euro (€) davanti al numero, con o senza spazio (esempio: €4.561,23 oppure € 4.561,23).
  • Con il simbolo della percentuale (%) dopo il numero, con o senza spazio (esempio: 20% oppure 20 %).

Quindi se gli importi copiati provengono da software che hanno formati diversi (software gestionali, calcolatrici on line), questa applicazione permette di copiare e incollare, con tranquillità, gli importi nelle maschere, senza dover cambiare i dati immessi o trascriverli rischiando di commettere uno sbaglio.