Con questa applicazione si può calcolare la detrazione per figli a carico da inserire nel rigo RN6 Col.2 e l’ulteriore detrazione per famiglie numerose da inserire nel rigo RN6 Col.3 dei modelli per la dichiarazione dei redditi da presentare nel 2018 relativa al periodo di imposta 2017.

I parametri richiesti per calcolare la detrazione sono i seguenti:
– il reddito per detrazioni, ovvero il reddito di riferimento per le agevolazioni fiscali da utilizzare nel calcolo di tutte le detrazioni, inclusa quella per i figli a carico (rigo RN1 Col.1),
– l’eventuale deduzione per abitazione principale (rigo RN2),
– il numero di figli a carico,
– la % spettante dell’ ulteriore detrazione per famiglie numerose.
Per ciascun figlio a carico è necessario indicare inoltre le seguenti informazioni:
– il numero di mesi per i quali il figlio è risultato a carico nel 2017,
– il numero di mesi durante i quali il figlio a carico ha avuto meno di 3 anni,
– la percentuale di detrazione spettante: 100%, 50% o zero,
– se il figlio è disabile, nel qual caso si ha diritto ad un’ulteriore maggiorazione.

NOTE per l’inserimento dei mesi
Colonna mesi a carico:
Indicare il numero dei mesi dell’anno durante i quali il figlio è stato a tuo carico.
Seleziona 12 se il figlio è rimasto a carico per tutto il 2017, viceversa, se è stato a tuo carico solo per una parte del 2017, indicare il numero dei mesi corrispondenti.
Ad esempio, per un figlio nato a settembre 2017, la detrazione spetta per quattro mesi (settembre compreso) e pertanto occorre selezionare 4.
Colonna mesi < 3 anni: Indicare il numero dei mesi dell'anno durante i quali il figlio a carico aveva un'età inferiore a 3 anni. Per il calcolo dei mesi di trazione bisogna considerare che un mese si considera "pieno" a prescindere da quale sia il giorno di nascita. Ad esempio, se il figlio è nato il 30 agosto 2017, il mese di agosto va considerato "pieno" e quindi il numero di mesi da indicare è 5. Per un figlio che ha compiuto 3 anni nel mese di maggio 2017, indicare 5 (maggio è incluso, a prescindere dal giorno di nascita). Per un figlio nato nel 2016 selezionare 12. NOTE - gli importi introdotti e la detrazione calcolata sono arrotondati sempre all'euro superiore o inferiore (come indicato dall'Agenzia delle Entrate); - il calcolatore accetta anche importi con le migliaia separate dal punto (utile ad esempio in caso di copia-incolla). - utilizzare la virgola come separatore dei decimali. Decimali e Arrotondamenti Calcolo del quoziente Per il calcolo del quoziente si utilizzano sempre le prime quattro cifre decimali senza arrotondare ma troncando le ultime cifre oltre le quattro prese in considerazione; ad esempio: 0,543786 diventa 0,5437. Calcolo della detrazione spettante La detrazione complessiva risultante dalle formule sopra descritte deve essere inserita nel modello di dichiarazione arrotondata all'euro secondo la seguente regola: - all'euro inferiore se la parte decimale è inferiore a 50 centesimi. - all'euro superiore se la parte decimale è maggiore o uguale a 50 centesimi. Per le detrazione per famiglie numerose che va inserita in un rigo a parte.